Sean Sakinofsky | Il moto perpetuo dell’Ultra Cycling.

Era il 1987 quando passai dalla calzamaglia da ballo ai pantaloni da ciclista in lycra.

Sono sempre stata attratto dal “non tradizionale”. Ero un ballerino di danza classica in un paese che predicava che gli uomini dovevano fare rugby in inverno e giocare a cricket in estate.

Era a dir poco impegnativo essere vittima di bullismo per il mio amore per la danza, e per sfuggire a tutto questo ho trovato una naturale predisposizione per un'attività che rappresentava la libertà nelle sue azioni e nelle sensazioni che creava.

Da ragazzo era la bicicletta dove mi trovavo a sognare e creare sogni, per dirlo in termini più espressivi.

È una porta, un portale in un'altra dimensione, una perfetta sinergia tra uomo e macchina.

È un moto perpetuo, un'autentica accelerazione. È dove senti il tuo sangue scorrere nelle vene, ti lascia senza fiato e quando lo metti via, vuoi già tornare a prenderne ancora.

È il luogo, e lo è ancora, dove trovi le soluzioni ai tuoi problemi, è un luogo dove le tue visioni trovano chiarezza, è diventato presto il miglior antidepressivo che abbia mai assunto.

Il mio viaggio nel ciclismo è cambiato come ogni viaggio in bicicletta dovrebbe, Dal cercare di andare il più forte possibile nelle prove a tempo gareggiando a livello provinciale d'elite per poi evolvere  in un ciclista di resistenza.

Prima della mia avventura o viaggio come ultra cycler ho perso mio padre per un cancro all'esofago. Questo ha scatenato il mio interesse per la nutrizione e la prevenzione.

La mia famiglia da entrambi i lati (madre e padre) era afflitta da cancro, problemi cardiaci e obesità.

Fino alla perdita di mio padre seguivo anche io una dieta tradizionale ad alto contenuto di carboidrati e basso contenuto di grassi, ma qualcosa nella mia vita doveva cambiare.

Ai tempi, stavo già seguendo una dieta paleo, che ancora incorporava una quantità moderata di carboidrati giornalieri, dopo alcune indagini e la mia ricerca personale, sono passato a praticare una dieta HIGH FAT low carb.

Questo accadeva otto anni fa, 5 anni dopo mi sono imbarcato nel mio ciclismo di resistenza.

Questo viaggio è stato a dir poco profondo, e da allora non ho mai più provato attacchi di fame o crisi glicemiche. Infatti, non ho quasi mai sperimentato "il muro".

Era come se fossi finalmente libero, non ingombrato dal mio costante bisogno di rifornimento. Non dovevo più riempire le mie tasche posteriori di qualche tipo di nutrimento per rimanere alimentato.

Questo portò il mio interesse per l’ultra cycling a nuovi livelli.

Nel 2019 l'ente del turismo giordano mi invitò a partecipare a una gara che attraversava il deserto giordano, partendo dal Mar Morto e finendo 198 km più tardi sul Mar Rosso.

Il mio obiettivo non era quello di vincere, ma di pedalare a un ritmo rispettabile e di non fare rifornimento assumendo nessuna caloria, ma solo acqua.

Con mio grande stupore, ho finito  5° assoluto, con una media di 211 watt per 5 ore e 46 minuti.

Non avevo affatto fame dopo l'evento. Questo mi ha davvero incuriosito a dir poco, fino a che punto potevo spingermi?

Il 2020 è arrivato e così anche il COVID-19 e le chiusure obbligatorie.

Non potendo lasciare il mio appartamento, mi sono imbarcato in un nuovo viaggio alla scoperta dei vantaggi di essere alimentato a prevalenza di grassi.

Non avevo uno smart trainer indoor, ma solo dei rulli. Dopo essermi abituato ai rulli per un'ora, sono passato a 2, 3, 4, 6 ore e poi 9 ore senza fare rifornimento.

Il 29 maggio 2020 mi sono imbarcato in un evento per onorare il personale sanitario impegnato nella pandemia COVID-19 e la Fondazione Noakes, l'obiettivo era 9 ore sui rulli senza rifornimento con testimoni.

Il signor Lance Allam di MedWay, che ha ospitato l'evento nei suoi uffici, è stato testimone, tra molti altri, della mia corsa di 9 ore, di cui ho gestito 10 ore con solo acqua. La macchina del caffè quel giorno era rotta.

È stato uno sforzo di 6000 calorie.

Da allora le mie prestazioni hanno cominciato lentamente ad aumentare e anche il mio chilometraggio.

Non pedalo per meno di 100 km su strada, e negli ultimi 6 mesi la mia distanza media è di circa 150 km con corse regolari di 200+ km, il tutto senza bisogno di fare rifornimento, con la mia potenza media di uscita leggermente inferiore o superiore a 200 watt.

Questa strategia non è utilizzata solo da me, ma anche la mia fidanzata che ha adottato la dieta otto mesi fa sta migliorando tutti i suoi PB.

Quindi, dove e fino a che punto questo andrà solo il tempo lo dirà, quindi rimanete sintonizzati perché condividerò alcuni dei miei consigli essenziali per intraprendere la strada di diventare un ciclista di resistenza.

Scopri di più sul viaggio di Sean: www.seansako.com

 



Lascia un commento